Il Museo Archeologico dell'Istria e il Museo Rovignese:

Continuazione dei lavori sulla fortezza preistorica "Monkodonja"

Sito archeologico - Moncodogno
Dopo una pausa di oltre dieci anni, quest'anno è stata ripresa la collaborazione tra il Museo Archeologico dell'Istria e il Museo della Città di Rovinj-Rovigno, per la manutenzione del muro a secco del forte "Moncodogno", sito archeologico di notevole importanza in Istria ed Europa.
“Quest'anno, nonostante la situazione, siamo riusciti a trovare i fondi per riparare i muri a secco, che purtroppo sono stati distrutti soprattutto dall'invasione dei cinghiali. Sono stati investiti 25.000 HRK e i costi sono stati condivisi dal Museo di Rovigno e dal Museo archeologico dell'Istria. I lavori si sono eseguiti dalla ditta Kapitel secondo la decisione del Dipartimento di Conservazione di Pola. Questo è un piccolo passo verso un grande progetto, come anche verso i nostri futuri piani, che speriamo inizieranno a realizzarsi nei prossimi anni ", ha detto Tajana Ujčić, direttrice del Museo della città di Rovinj-Rovigno.

Moncodogno è una fortezza preistorica dell'età del bronzo situata a cinque chilometri da Rovigno, di fronte al villaggio di Cocaletto.

"Possiamo identificare l'età del bronzo come uno dei periodi più importanti durante i quali c'erano oltre trecento forti in Istria. Moncodogno è uno dei forti più ricercati e probabilmente uno dei più ricchi e importanti", afferma Darko Komšo, direttore del Museo Archeologico dell'Istria.

Moncodogno, ci spiega Komšo, fu scoperta nel 1953, quando furono fatte le prime ricerche. Tuttavia, nel periodo dal 1997 al 2009 sono state realizzate quelle più grandi in collaborazione con diverse istituzioni.

Durante la suddetta ricerca, che copriva oltre mille metri quadrati, si è scoperto che il forte aveva un sobborgo e un'acropoli. Inoltre, aveva circa un migliaio di abitanti, ed è importante ricordare che aveva legami commerciali con gran parte dell'allora Mediterraneo e che c'erano legami con Micene. Questo forte, spiega Komšo, è stato uno degli esempi significativi dello sviluppo delle tecniche di costruzione, in particolare delle mura difensive e dell'architettura residenziale in Istria.

È importante che parallelamente al lavoro di ricerca, sia stata fatta la protezione, nonchè la presentazione della fortezza. Grazie alla ricerca e alla ricostruzione, le mura sono diventate non solo un monumento protetto che ha vinto il premio Europa Nostra nel 2002 ma anche un monumento sostenibile nel contesto della valorizzazione turistica", ha affermato il direttore del Museo Archeologico dell'Istria, aggiungendo che alcuni degli ulteriori passi della cooperazione vanno in questa direzione.

Marino Budicin, Vice Sindaco della Città di Rovinj-Rovigno, concorda con quanto sopra detto, aggiungendo:
"L' importanza di questa fortezza non è solo archeologica, ma anche nella sua posizione, dalla quale possiamo vedere come faccia anche parte di un complesso culturale. In lontananza si possono vedere la necropoli di Mušego, la Madonna di Campo con una bella chiesa e persino la Turnina. Inoltre, si trova non lontano dalla costa. La nostra costa è una delle coste più belle dell'Istria, e oserei dire l'Adriatico orientale, quindi qui le possibilità di sviluppare il turismo culturale sono enormi", afferma il vicesindaco Budicin.

Che sia davvero così lo giudicano i numerosi visitatori, sia locali che turisti, che hanno visitato Moncodogno negli ultimi anni, soprattutto in primavera e in estate. Da ciò si riconosce la voglia di conoscere il passato di questa zona, le sue ricchezze archeologiche e storiche. Marino Budicin giustamente conclude che "Moncodogno, insieme a Turnina, in futuro saranno probabilmente i gioielli del nostro turismo culturale".
 
Mostra tutto
Sakrij