15a Notte dei musei

Numero record di visitatori alla 15a Notte dei musei a Rovigno


venerdì 31 gennaio 2020 - venerdì 31 gennaio 2020


Oltre 800 persone hanno partecipato alle mostre, agli spettacoli, alle conferenze e alle presentazioni gratuite in ben sei località di Rovigno.
Tutto è iniziato al Municipio, dove il vicesindaco Marino Budicin ha presentato l'arco dei Balbi in un contesto storico e, successivamente, Ivan Jengić dell'Istituto croato di restauro, ha presentato i lavori di conservazione e restauro dello stesso.

La sua ristrutturazione è iniziata su iniziativa della Città nel 2016, più precisamente 340 anni dopo la sua ultima ricostruzione. Budicin ha anche annunciato la prossima grande impresa: la progettazione della piazza principale di Rovigno, che è attualmente in fase di documentazione.

Il Museo della Città di Rovigno, organizzatore della Notte dei musei, ha aperto una mostra intitolata "Il MELOGRANO è la nostra identità". Questo simbolo, creato da Egidio Budicin per il Museo 46 anni fa, è stato presentato al pubblico da Argeo Curto e Anselmo Tumpić, che sta lavorando alla suo restyling.

Durante l'apertura della mostra è stata annunciata la realizzazione della monografia "Egidio Budicin", un progetto pluriennale appena avviato.

Oltre alle summenzionate mostre, i visitatori del Museo hanno potuto vedere la mostra "Impressioni impresse" e ai bambini è piaciuto lo spettacolo "Paolo solo al mondo“ eseguito da Teodor Tiani. Inoltre, il pubblico ha risposto in gran numero alle lezioni del personale dell'Istituto croato di restauro.

Peter Puhmajer, con la presentazione intitolata "La vita segreta di Palazzo Califfi", ha presentato i risultati della ricerca di questo edificio barocco, mentre Josip Višnjić ha avvicinato al pubblico l'esplorazione del Monte della Torre.

Durante la serata, i cittadini e gli ospiti hanno potuto visitare la preziosa collezione museale della Unità pubblica dei vigili del fuoco di Rovigno, con la guida esperta di Nikola Medelin. In questa sede è stata annunciata la preparazione del progetto "I custodi del (dis)ordine" e un'altra monografia, quella dei pompieri, che dovrebbe essere completata entro il 2022.

Inoltre, presso il Centro multimediale di Rovigno, i visitatori hanno potuto vedere la mostra "inBETWEEN" del collettivo koFAKTOR, composto dagli architetti Silvija e Dujam Ivanišević.

Anche il Centro di ricerche storiche ha partecipato alla Notte dei musei. I loro ricercatori hanno guidato i presenti attraverso il Centro e alla loro ricca raccolta di carte geografiche.

Di sera, grazie all'Associazione „Casa della batana“, dal molo piccolo salpavano le batane per il „Giro notturno col faràl“.

La notte dei musei è finita con il concerto del gruppo THELINK20 negli spazi del Museo della Città di Rovigno.
 
Mostra tutto
Sakrij