ORARIO DI LAVORO

CHIUSO PER LAVORI

I clienti sono accettati solo con preavviso a info@muzej-rovinj.hr

 

 
BIGLIETTI

Proseguimento del progetto „Navi sommerse“

Si è conclusa a Rovigno la terza campagna di ricerca archeologica del patrimonio sottomarino


La scorsa settimana si è conclusa la terza campagna di ricerca archeologica del patrimonio sottomarino a Rovigno. Gli archeologi del Centro internazionale di archeologia subacquea di Zara, in collaborazione con la Società bavarese di archeologia subacquea, hanno scavato e documentato pozzi contenenti tracce dell'antico relitto nel fondale marino dell'isola di Velika Sestrica, nell'ambito del progetto „Navi sommerse“ di Rovigno. La nave romana che qui affondò alla fine del I secolo trasportava principalmente parti di anfore di tipo Forlimpopoli e Dressel 2-4, ma anche pregevoli esemplari di bottiglie di vetro e vasi sigilati.
Tuttavia, queste ricerche non sono l'inizio, ma la continuazione delle ricerche a lungo termine nell'acquatorio di Rovigno, il cui corso ci viene segnalato dal Centro di Zara.

La ricerca sul patrimonio sottomarino di Rovigno è iniziata con gli scavi archeologici sistematici dei porti romani e moderni di Veštar nel 2009. Dopo sei anni di ricerca condotta dal Centro internazionale di archeologia subacquea di Zara e dalla Società bavarese di archeologia subacquea, è stata aperta al Museo della Città di Rovinj-Rovigno una mostra sui risultati della ricerca ed è stata pubblicata un'ampia monografia bilingue su Veštar.

Successivamente la ricerca non si è fermata, ma con il continuo aiuto della Comunità turistica di Rovigno e del Ministero della Cultura della Repubblica di Croazia, è stato avviato il progetto „Navi sommerse“ a Rovigno.

Lo scopo del progetto era quello di trovare i resti di antichi relitti di navi nei fondali marini di Rovigno ed esplorarli sistematicamente, e il suo obiettivo è far conoscere ai cittadini di Rovigno, così come ai suoi numerosi ospiti, la ricca tradizione marittima di questa città costiera e il prezioso patrimonio culturale sottomarino protetto dall'UNESCO.

Nel corso dei quattro anni successivi, è stato studiato un relitto di una nave mercantile tardoantica nei pressi delle scogliere di Piruzi, scoperto di recente. Il completamento di questa fase è stato accompagnato anche da una mostra di reperti archeologici presso il Museo Archeologico dell'Istria a Pola, nonché da un'ampia monografia bilingue.
Un instancabile team di archeologi subacquei ha continuato a portare avanti questo prezioso progetto, così nel 2018 sono iniziate le ricerche del relitto romano appena scoperto nei pressi dell'isola di Velika Sestrica.

La scorsa settimana sono proseguiti gli scavi archeologici sottomarini dell'antico relitto precedentemente menzionato. Tuttavia, negli ultimi tre giorni di ricerca sul campo, a causa del maltempo, non è stato possibile lavorare sulle „Sestrice“, quindi il già citato team stava cercando nuovi luoghi dove potessero trovarsi i resti del naufragio. Aglli archeologi subacquei si sono uniti anche i subacquei dei Vigili del fuoco pubblici di Rovinj-Rovigno. Sono stati esaminati i fondali dell'isola di Sveta Katarina, le scogliere di Muntrav e l'isolotto di Samer, nonché i fondali del centro storico.

"Siamo davvero soddisfatti di questa nuova collaborazione e speriamo che questa sia solo la prima di una serie. Siamo lieti che le risorse che abbiamo a nostra disposizione possano aiutare nella realizzazione di lodevoli progetti come questo ", ha detto in questa occasione il Comandante dei vigili del fuoco Rovignesi, Evilijano Gašpić.

Anche l'assistenza del Museo della Città di Rovinj-Rovigno è stata determinante in questa collaborazione.
"Siamo riusciti a stabilire una cooperazione interistituzionale e intersettoriale, che sono convinta contribuirà in modo significativo alla conservazione e alla presentazione del patrimonio di Rovigno in futuro, cioè su questo specifico esempio di patrimonio sottomarino. Questo è il nostro patrimonio comune, sia che siamo archeologi professionisti, curatori, vigili del fuoco, insegnanti, pescatori, ecc. Per preservare il patrimonio, la maggior parte degli abitanti di un'area deve percepirlo come un bene personale e allo stesso tempo comune. Il primo passo verso questo obiettivo è conoscere il patrimonio in un modo accessibile a tutti ", ha detto Tajana Ujčić, direttrice del Museo di Rovigno, in occasione di questa collaborazione.

Aggiunge che questo è anche l'annuncio del progetto espositivo „Navi sommerse“ che sarà realizzato a maggio 2021, e prevede una visita di gruppo di varie mostre sull'archeologia subacquea dal Museo della città di Sebenico, il Museo archeologico dell'Istria, il Museo storico e marittimo dell'Istria e il Centro internazionale per l'archeologia subacquea a Zara, che è unita da una sala introduttiva comune.

Durante la mostra saranno organizzate ricerche subacquee e diverse attività educative, che includeranno residenti e ospiti di Rovigno.
Mostra tutto
Sakrij


SCEGLI LA FOTOGRAFIA